Attrezzatura Base

La cosa bella della birrificazione casalinga è il fatto che ciascuno può scegliere l'approccio che più gli si confà sotto il punto di vista della voglia e dell'investimento economico.
Infatti si può iniziare con un minimo investimento di poche decine di euro oppure spenderne anche diverse migliaia per attrezzature professionali.
La cosa importante da tenere a mente è però che il risultato non è necessariamente commisurato all'esborso per le attrezzature... Non è necessario spendere migliaia di euro per realizzare una buona birra!!!

Il kit è il sistema con il quale la stragrande maggioranza degli appassionati comincia ed è anche quello che ci fornisce i primi e indispensabili strumenti per l'arte del birrificare in casa.
Il mio consiglio a riguardo quindi è quello di "investire" [si parla di una settantina di euro] all'inizio sull'acquisto si un kit in modo da avere a disposizione tutti i principali attrezzi che poi ci torneranno molto utili anche provando a realizzare gli altri metodi di produzione.
Gli attrezzi di base e che solitamente possiamo trovare nelle confezioni dei kit sono:

Fermentatore da 25 litri in plastica con coperchio:

Accessorio indispensabile, la dimensione da 25 litri è ideale per la birra fatta in casa poichè la maggior parte dei kit in vendita è scalata su questo volume e inoltre è una quantità che giustifica il tempo della lavorazione per produrla senza gravare eccessivamente sulle capacità di "stoccaggio" dell'homebrewer.
E' fondamentale che sia realizzato in plastica per alimenti per evitare che rilasci aromi indesiderati o che colori la birra.

fermentatore

 

Termometro:

In vetro [preferibilmente non al mercurio] o digitale l'importante è che abbia un'escursione che copra il range da 0° a 110° C

Densimetro:

Questo strumento serve a misurare la gravità specifica o densità relativa della birra che è un dato indispensabile che ci permette di determinare il contenuto alcolico e per capire quando è il momento per l'imbottigliamento o travaso.
La scala di valori deve andare da 1010 a 1100.

Soluzione per sanitizzare e sterilizzare:

Vi sono diveri prodotti ottimi per tutte le necessità sia per l'una che per l'altra operazione, di norma vengono forniti direttamente con il kit.

Spatola in plastica:

Una spatola in plastica dal manico lungo essenziale per mescolare il liquido all'interno del fermentatore o nel tino di bollitura, deve essere anch'essa in plastica per alimenti.

paletta

 

Sifone:

Semplicemente un tubo che si utilizza per travasare la birra dal fermentatore alle bottiglie o ad un altro fermentatore.
Deve essere in plastica per alimenti e possibilmente trasparente. Inoltre dovrebbe essere abbastanza lungo per riuscire ad arrivare [nel caso di travaso da fermentatore a fermentatore] fino al fondo del secondo fermentatore in modo da eliminare lo splash dell mosto con conseguente schiuma.

Recipiente persanificare:

Non è essenziale ma è molto pratico avere a disposizione un secondo recipiente da almeno 20 - 30 litri da riempire [non tutto ovviamente] con la soluzione per sanificare o per sterilizzare e che può servire come base di lavoro per non sporcare [le vostre mamme o mogli vi saranno grate ^__^ ].

Tappabottiglie:

Essenziale in fase di imbottigliamento [ a meno che non abbiate tutte bottiglie con le clip ] ci sono a colonna e a 2 leve.
Nei kit solitamente vengono proposti quelli a 2 leve, io per esperienza personale vi consiglio di comprarne subito uno a colonna onde evitare spiacevoli sorprese e dover buttare bottiglie tappate male.

Sanificatore per bottiglie:

Pratico strumento che permette di lavare con un getto di soluzione sanificante l'interno delle bottiglie senza sforzi.

sterilizzatore

 

 

Articolo a cura del Ing. Marco Brussolo

 

Bibliografia:

  • Davide Bertinotti - Massimo Faraggi, "La tua birra fatta in casa", FAG
  • Matteo Billia - Lelio Bottero,  “Birra fatta in casa” , Gribaudo
  • John Parkes, "Birra fatta in casa", Il Castello

 


LEGA CONSUMATORI RIMINI - Via cir.ne occidentale 58 - rimini