SCATOLA NERA PER AUTO

Nel mondo delle Assicurazioni Auto gli incidenti e le frodi sono in aumento anno per anno sia come numero, che per richieste di indennizzo.
Per questo motivo, secondo le statistiche, siamo la nazione con le tariffe più alte d’Europa. Un valido strumento contro tale comportamento può essere rappresentato dall’utilizzo della scatola nera sulla propria auto che può limitare il fenomeno, svolgendo un ruolo fondamentale nel settore RC Auto, consentendo così la riduzione dei premi.

MA COS’E QUESTA SCATOLA NERA?
Il decreto dei Ministeri delle Infrastrutture e Trasporti 25.01.2013 ha introdotto nel mondo delle assicurazioni Auto la possibilità di installare a bordo delle automobili meccanismi elettronici, sigillati, alimentati, ancorati a elementi fissi, che registrano l’attività del veicolo, le così dette scatole nere.
Si installa nel vano motore, e l’operazione va effettuata da un installatore specializzato che rilascia apposita documentazione per la compagnia di Assicurazione. Richiede poco tempo, grande quanto un pacchetto di sigarette, è poco costosa, e diversi sono i modelli in commercio ed i prezzi.
Dovrebbe entrare a pieno regime nel 2014, mentre negli Stati Uniti è obbligatoria sulle nuove automobili, in Germania è stata appena approvata, e in Francia è in fase di studio.

scatola nera per auto

COME FUNZIONA
Funziona all’incirca come quelle degli aerei registrando in modo continuo tutti gli eventi e le azioni dell’automobilista. I dati sono scritti su schede SD, come velocità, tempo di frenata, ecc. e permette quindi il rilevamento del comportamento dell’automobilista; sono dotate di ricevitori GPS per la localizzazione terrestre tramite reti satellitari.

VANTAGGI
• Diminuzione delle frodi assicurative
• Permette il ritrovamento in caso di furto grazie ai dispositivi GPS.
• Segnala rapidamente la necessità di aiuto, in caso di malore.
• In caso d’incidente stradale rileva e segnala la posizione dove è avvenuto.

La proposta è ormai una realtà e diverse sono le compagnie che applicano sconti agli assicurati che l’hanno montata, (in Italia sono circa 1,2 milioni).

Scatola nera per auto

PRICACY
Per qualcuno è un problema perché i guidatori sono monitorati e i dati sono tanti e a disposizione delle compagnie assicurative. Permette di conoscere l’esatta dinamica degli incidenti, in quanto viene registrato quali strade facciamo, a che velocità, i tempi di percorrenza, quanti chilometri ecc. poiché attraverso la scheda GPS il funzionamento è reale e continuo. Il Garante ha proposto una serie di limiti al trattamento dei dati, che potranno essere analizzati dalle compagnie solo in caso di sinistro, e potranno essere conservati negli archivi per un max. di sette giorni.
Considerando che le compagnie assicurative avranno ben poche possibilità di essere truffate, ci aspettiamo per il futuro una vera politica di contenimento e diminuzione delle tariffe.

ferrari scatola nera